Sedile Dominova in via San Cesareo

Dalla nobiltà al proletariato. Da luogo di ritrovo della nobiltà sorrentina, o meglio di una parte di essa, a Società Operaia di Mutuo Soccorso, forma di associazionismo assai diffusa nel XIX secolo.

Ma procediamo con ordine.

Il Sedil Dominova (dal latino “Domus Nova”) fu costruito nel XIV secolo a seguito delle lotte fratricide tra le famiglie patrizie della città.

Lotte che lasciarono una lunga scia di sangue e per le quali fu necessario l’intervento risolutore dell’allora vescovo.

Da qui, la scelta di realizzare un edificio monumentale in cui si sarebbero riuniti esclusivamente i nobili della parte occidentale di Sorrento, mentre le altre famiglie avrebbero continuato a farlo nel vecchio Sedile di Porta, all’inizio di Corso Italia.

Nel 1877, quando fu fondata la Società Operaia, il Sedil Dominova fu adibito a sede del sodalizio dei lavoratori di Sorrento.

Una forma di mutualismo, diffusa in molte parti d’Italia, attraverso cui le maestranze riuscivano a tutelarsi in caso di infortuni e malattie. Una targa ricorda ancora la società che tanti meriti ha avuto nel miglioramento delle condizioni di vita del popolo sorrentino.

Bellissimo pure l’affresco con lo stemma della città.